LOTTA ALLA BILANCIA: GUIDA A UNO STILE DI VITA SANO

LOTTA  ALLA BILANCIA: GUIDA A UNO STILE DI VITA SANO

Dopo aver approfondito l’aspetto legato all’esercizio fisico, passando in rassegna alcune indicazioni di Guido Bruscia da tenere presente durante l’esecuzione di SQUAT, LUNGE e PUSH-UP (leggi qui), vediamo nel dettaglio alcuni consigli dati da Paul Waters nella sua Guida Completa alla perdita di peso. Quali sono i fattori da tenere in considerazione?


ALCOLICI E SIGARETTE

Sorvolando su tutti gli effetti negativi e malattie annesse che ben conosciamo, quando seguiamo una dieta dobbiamo ricordarci che l’alcol è calorico. Per farcene un’idea, guardiamo insieme l’apporto calorico di un bicchiere di alcune delle principali bevande:·

  • Bicchiere piccolo di vino rosso : 125 calorie
  • Bicchiere grande di vino: 230 calorie·
  • Mezzo litro di birra: 180 calorie·
  • Mezzo litro di Guinness: 170 calorie
  • Un whisky/ vodka: 55 calorie
  • Mezzo litro di sidro: 200 calorie
  • Una bibita gassata alcolica: 200 calorie

Certo, come dicevano i latini in medio stat virtus e bere piccole quantità di alcol, specialmente vino rosso, contribuisce ad aumentare i livelli di antiossidanti. Quindi un bicchiere ogni tanto ce lo possiamo concedere senza troppe remore.

Dal canto loro, le sigarette inibiscono l’appetito in quanto la nicotina innesca un impulso che parte dalle cellule nervose del cervello e in particolare
dall’ipotalamo. Con questo vogliamo dire che dobbiamo iniziare a fumare per favorire il dimagrimento?

Assolutamente no, dato che gli effetti negativi superano di gran lunga quelli positivi. Tuttavia, “coloro che stanno cercando di smettere con questa cattiva abitudine devono considerare un punto cruciale: l’uso dei cerotti alla nicotina può aiutare a mantenere un peso equilibrato. Quando si smette di fumare gli effetti inibitori della fame cessano e, insieme allo stress causato dalla difficoltà di smettere e alla mancanza di qualcosa da maneggiare, portano a un aumento del rischio di ingrassare.”

SONNO

Strano, ma vero: dormire poco è un fattore di rischio per l’aumento di peso. Ciò è dovuto all’ormone chiamato grelina che domina la fame: più restiamo in piedi più il nostro corpo ha bisogno di carburante per andare avanti. Inoltre da non sottovalutare che quando siamo stanchi ricorriamo a spuntini ad alto contenuto energico per ricaricarci, spesso spinti da livelli elevati di questi ormoni. Andare a letto presto è importante, ma quando possiamo dire di aver dormito abbastanza?

Secondo gli scienziati, l’ideale si aggira intorno alle 7-9 ore. Attenzione però a non esagerare! Secondo la National Sleep Foundation dormire più di nove ore potrebbe non giovare alla salute: sembra proprio che superare un qualsiasi limite per eccesso o difetto può essere dannoso.

STRESS

Un altro fattore che incide notevolmente sul peso è senza dubbio lo stress. Ma come possiamo contrastarlo? In questo caso, l’alimentazione ci può dare una mano. Ecco alcuni consigli:·

  • Mangiare alimenti con un basso indice glicemico: gli zuccheri determinano degli sbalzi nei livelli di energia che generano stanchezza e non sono pertanto indicati nei momenti di stress.
  • Consumare riso integrale o zizania, quinoa e avena che contengono triptofano, un aminoacido che viene poi convertito in serotonina, il neurotrasmettitore chiamato anche l’ormone della felicità.
  • Ricorrere a cibi e bevande calmanti come camomilla, tè, noce di cocco, cioccolato fondente (al 70%) frutti rossi e alghe.

Vuoi saperne di più?

ACQUISTA IL MANUALE